Antonio Canova, "Ebe", 1800-1805

Antonio Canova, "Ebe", 1800-1805

Antonio Canova, "Ebe", scultura, 1800-1805, Museo dell'Ermitage, San Pietroburgo.

Fonte dell'immagine: Wikimedia Commons. Licenza: pubblico dominio.

 

Ebe, figura mitica della giovinezza, danza nella sua ariosa tunichetta ispirata alle divinit√† classiche, ma con una leggiadria degna di una damina rococ√≤: un bilanciamento fra l’epidermica sensualit√† settecentesca e il controllo della ragione con cui l’artista ne compie la mutazione in “grazia”, ma che preannuncia al contempo il volo romantico della Silfide. Neppure il marmo √® austero e freddo come le statue romane: “vera carne, cio√®, bella natura", √® capace di restituirgli Antonio Canova, scultore di un ideale di bellezza divenuto moda. Non √® tanto l’ardente genia italiana a far accendere all’artista il gelido marmo, ma l’artificio tecnico, una perizia artigianale e una “cultura” del mestiere con cui imprime quel “tocco” di rifinitura alle opere che escono dal suo industrioso atelier.

Materiali collegati

Galleria:

Tags:

Chiavi di VIVIT: