La progettazione umana

    Letteratura e teatro

    Italo Calvino, amico e collaboratore, definisce “progettazione umana” l'idea che sta alla base di tutta l'attivit√† di Vittorini:

     

    Progetto, prospettiva, indicazione sono parole-chiave del discorso di Vittorini. Tutto il suo lavoro – creativo, critico, editoriale – ha intenzione e funzione di programma, di manifesto... Il filo di continuit√† che cuce l' apparentemente discontinua bibliografia del Vittorini narratore passa attraverso il suo ininterrotto discorso di progettazione e proposta... √® un modo di stare al mondo che √® l'obiettivo finale, un rapporto con gli altri e con le cose. La progettazione a cui Vittorini lavora e di cui la letteratura dovrebbe farsi segno e vettore √® “progettazione umana”. Essa avanza, insieme al momento negativo del rifiuto della situazione presente, l'affermazione di ci√≤ che √® valore… e l'assume a termine obbligatorio di confronto, la proietta ed estende [Tratto con aggiustamenti da: Italo Calvino, Vittorini:progettazione e letteratura, in Una pietra sopra. Discorsi di letteratura e societ√†, Torino, Einaudi, 1980)].

     

    La prefazione a Il Garofano rosso nell’edizione del 1948 (pubblicata poi in Diario pubblico) contiene importanti dichiarazioni di Vittorini riguardo ai cambiamenti che ci sono stati nel suo modo di scrivere e alle ragioni che li hanno determinati. Anche Vittorini, come Pavese, sente il bisogno di trasformare la realt√† in simbolo, in mito, capace di comunicare con le persone a livelli profondi e universali:

     

    √ą in ogni uomo di attendersi che forse la parola, una parola, possa trasformare la sostanza di una cosa. Ed √® nello scrittore di crederlo con assiduit√† e fermezza. √ą ormai nel nostro mestiere, nel nostro compito. √ą fede in una magia: che un aggettivo possa giungere dove non giunse, cercando la verit√†, la ragione; o che un avverbio possa recuperare il segreto che si √® sottratto a ogni indagine… Io non ho mai aspirato "ai" libri; aspiro "al" libro; scrivo perch√© credo in "una" verit√† da dire... Ma un libro non √® soltanto "mio" o "tuo", non rappresenta solo il "mio" contributo alla verit√†, il "mio" sforzo di ricerca della verit√† e la "mia" capacit√† di realizzazione letteraria. Un libro √® un riflesso pi√Ļ o meno diretto, e pi√Ļ o meno contorto, pi√Ļ o meno alterato, della verit√† obbiettiva.

     

    Per Vittorini, dunque, la cultura √® impegno, ricerca di una verit√† autentica che la poesia e il mito – linguaggi antichi, universali, comuni a tutti gli uomini – possono scoprire e comunicare, mentre i dogmi e i concetti non hanno lo stesso  potere. In questa universalit√† sta la forza della cultura, la sua potenzialit√† e capacit√† rivoluzionaria: solo rifiutando ogni consolazione ed entrando in contatto con la verit√† gli uomini comprenderanno quali sono i loro doveri e lotteranno insieme contro le offese recate al mondo. In questo stanno le ragioni del mito, della poesia, della parola che evoca. La militanza politica e l'attivit√† letteraria di Vittorini hanno alla base l' idea di cultura come impegno, un'idea che guider√† e condizioner√† le sue scelte di uomo e di scrittore, dalla rottura col fascismo alla battaglia sul Politecnico, dall'apertura alla letteratura americana alle riflessioni sul rapporto fra letteratura e societ√† industriale.

     

    Materiali collegati
    Autori: